Aquile d’Africa! Al Mali la CAF Championship under 17


Stormo di Aquile sopra il Niger, il Mali è campione d'Africa under 17 per la prima volta nella sua storia. L'undicesima edizione di African National Championship se la aggiudicano proprio i ragazzi provenienti dall'enorme terra situata a nord-ovest di un continente ancora oggi tutto da scoprire. Paese dalle dimensioni considerevoli, il Mali ha nel calcio la sua massima
espressione, basti pensare che proprio in occasione del torneo il presidente della Repubblica - Boubacar Keita - ha deciso di dare meno pressione alla popolazione lasciando "a riposo" l'esercito, sempre sul "chi va là" a causa dei focolai di guerra civile ormai ininterrotti da anni.

Il 2-0 rifilato in finale al Sudafrica è solo l'apice finale di un torneo che le Eagles hanno meritatamente portato a casa grazie ad un ruolino di marcia presso che perfetto, condito da quattro vittorie ed un pareggio, con solo tre gol al passivo. La compagine allenata da Baye Ba ha spazzato via tutta la concorrenza, esordendo con il 3-1 al Camerun e - dopo il pareggio contro il Sudafrica poi ritrovato in finale - si è sbarazzata di Costa d'Avorio prima e poi, in una semifinale molto equilibrata, della Nigeria, una delle favorite per il successo finale nei giorni antecedenti alla manifestazione. Davanti ai quasi diecimila dello "Stade General Seyni Kountchè", impianto principe di tutto il Niger situato nel centro di Niamey, è arrivata poi la vittoria decisiva firmata da due dei giocatori migliori del torneo. A sbloccare la contesa ci ha pensato un colpo di testa del centrale difensivo Bakayoko, quando la gara sembrava già incanalata verso i tempi supplementari, e poco dopo Ali Malle ha scritto i titoli di coda con un bel destro dal limite.

Buona squadra, questo Mali, messo in campo con un basilare 4-4-2 efficace ed accorto, che ha permesso di avere la meglio anche su nazionali più attrezzate come la Nigeria o la stessa Costa d'Avorio, eliminata proprio dopo la sconfitta di stampo maliano a favore della sorprendente Guinea. I complimenti però devono essere estesi anche all'altra finalista, il Sudafrica, il cui lavoro a livello giovanile si sta allargando a macchia d'olio in ogni angolo del paese ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. All'attenzione dei (pochi) addetti ai lavori presenti in Niger si sono imposti soprattutto il portiere Sanele Thsabalala, in forza ai Bidvest Wits, e il centrocampista offensivo Nelson Maluleke, riferimento principale della folta colonia proveniente dai Supersport United. Un altro centrocampista ad aver fatto breccia è Idrissa Doumbia, ivoriano di nascita e da un anno tesserato con l'Anderlecht, mentre nella Nigeria ha militato il capocannoniere del torneo, Victor Osimhen. Classe 1998, Osimeh milita in una delle accademie calcistiche più importanti del suo paese di provenienza, quella degli Ultimate Strikers, organizzazione che in passato ha lanciato altri talenti come Olarenwaju Kayode e Isaac Success.

OsimhenI campioni del Mali, assieme a Sudafrica, Nigeria e Guinea (terza a sorpresa, dopo il 3-1 proprio rifilato alle Green Eagles nella "finalina") parteciperanno al mondiale under 17, che si terrà in Cile a partire dal 17 di ottobre. A margine va segnalato l'ennesimo caso controverso; alla CAF Championship 2015 avrebbe dovuto partecipare il Ghana, ma dopo un controllo della federazione è risultato che alcuni giocatori utilizzati nelle qualificazioni fossero fuori età (nati prima del 1998), pertanto i Leoni Indomabili sono stati ripescati. Gioia effimera, perchè il Camerun - assieme a Costa d'Avorio, Zambia e Niger - non è comunque riuscito ad approfittare di questa occasione, uscendo nella fase a gironi.

I RISULTATI


CLASSIFICA GRUPPO A - Nigeria 7, Guinea 4, Zambia e Niger 3 
CLASSIFICA GRUPPO B - Mali 7, Costa d'Avorio 5, Costa d'Avorio 4, Camerun 0

SEMIFINALI - Sudafrica 1-0 Nigeria, Mali 2-1 Guinea
FINALE 3° POSTO - Guinea 3-1 Nigeria
FINALE 1° POSTO - Mali 2-0 Sudafrica

CAPOCANNONIERE - Victor Osimhen (Nigeria), 4 gol 

TOP 11 (4-2-3-1) - Thsabalala (Sudafrica); Mori Kourouma (Guinea), Bakayoko (Mali), Mohamme (Sudafrica), Fode Camara (Guinea); Doumbia (Costa d'Avorio), Maluleke (Sudafrica); Nwakali (Nigeria), Malle (Mali), Aboubacar Traore (Mali); Osimhen (Nigeria).


 

Commenti